Archivio per mese
settembre 2017 (8)
agosto 2017 (3)
luglio 2017 (6)
maggio 2017 (7)
aprile 2017 (6)
marzo 2017 (3)
febbraio 2017 (9)
gennaio 2017 (4)
dicembre 2016 (3)
novembre 2016 (6)
ottobre 2016 (8)
settembre 2016 (8)
agosto 2016 (2)
luglio 2016 (4)
giugno 2016 (5)
maggio 2016 (5)
aprile 2016 (7)
marzo 2016 (2)
febbraio 2016 (4)
gennaio 2016 (6)
dicembre 2015 (1)
novembre 2015 (5)
ottobre 2015 (13)
settembre 2015 (10)
luglio 2015 (7)
giugno 2015 (5)
maggio 2015 (4)
aprile 2015 (7)
marzo 2015 (4)
febbraio 2015 (4)
gennaio 2015 (2)
dicembre 2014 (1)
novembre 2014 (7)
ottobre 2014 (8)
settembre 2014 (6)
agosto 2014 (6)
luglio 2014 (5)
giugno 2014 (4)
maggio 2014 (5)
aprile 2014 (6)
marzo 2014 (1)
febbraio 2014 (3)
gennaio 2014 (3)
dicembre 2013 (2)
novembre 2013 (4)
ottobre 2013 (15)
settembre 2013 (14)
agosto 2013 (8)
luglio 2013 (5)
giugno 2013 (4)
maggio 2013 (5)
aprile 2013 (10)
marzo 2013 (7)
febbraio 2013 (4)
gennaio 2013 (2)
dicembre 2012 (3)
novembre 2012 (7)
ottobre 2012 (22)
settembre 2012 (21)
agosto 2012 (4)
luglio 2012 (5)
giugno 2012 (5)
maggio 2012 (11)
aprile 2012 (13)
marzo 2012 (7)
febbraio 2012 (10)
gennaio 2012 (1)
dicembre 2011 (2)
novembre 2011 (3)
ottobre 2011 (3)
settembre 2011 (3)
agosto 2011 (6)
giugno 2011 (6)
maggio 2011 (1)
aprile 2011 (3)
marzo 2011 (7)
febbraio 2011 (2)
gennaio 2011 (2)
dicembre 2010 (2)
novembre 2010 (5)
ottobre 2010 (4)
settembre 2010 (4)
agosto 2010 (12)
luglio 2010 (2)
giugno 2010 (5)
maggio 2010 (4)
aprile 2010 (1)
marzo 2010 (4)
febbraio 2010 (5)
novembre 2009 (3)
ottobre 2009 (3)
settembre 2009 (4)
giugno 2009 (1)
febbraio 2009 (1)
gennaio 2009 (1)
Archivio categorie
03

Quella che vi stiamo per raccontare è fortunatamente una storia a lieto fine, ma che aveva tutti i presupposti per finire come in tanti altri episodi del genere in tragedia.
Il protagonista assoluto di questa vicenda è Michele Pacini, veterinario di Pisa e tesserato FIPSAS a cui il destino ha affidato lo scorso sabato il ruolo dell'uomo della provvidenza.
Michele, soprannominato da tutti affettuosamente il "Pacio", si trovava sulla spiaggia di Marina di Castagneto Carducci assieme ai suoi compagni di squadra della SPS Casting Club Blue Marlin nel corso della seconda prova del Campionato Provinciale FIPSAS di Surf Casting, quando due amici, poco distanti, si sono calati in acqua a bordo di una piccola imbarcazione.
Poco fuori il campo gara i due volevano pescare, scelta coraggiosa vista la scarsa visibilità(erano da poco passate le 20.00) ed il tipo di equipaggiamento(senza una luce e senza giubbotti di salvataggio).
Un azzardo che li ha messi in serio pericolo quando la barca si è rovesciata a circa 100 metri dalla riva.
Michele racconta: "Dopo averli visti mettere in acqua la barchetta saranno passati dieci minuti che abbiamo iniziato a sentire le voci. Non erano nitide, ma concitate. All'inizio si è pensato che si lamentassero perché lanciavamo le lenze con i piombi. Magari temevano di essere colpiti e ci avvertivano che erano nel raggio della pesca. Dopo qualche minuto abbiamo capito che le ragioni delle urla erano altre. E' trascorso qualche anno da quando facevo il bagnino e il fisico non è più quello di una volta, ma il primo pensiero è stato quello di spogliarmi e tuffarmi, così alla cieca, guidato solo dalle voci perché era davvero buio".
Sorretto dal coraggio e da questa tenuta fisica rivelatasi poi non così scarsa, il nostro eroe bracciata dopo bracciata è arrivato sull'obiettivo a circa 100 metri dalla spiaggia. Il primo è stato soccorso ad ottanta metri dalla riva e dopo averlo trascinato sul dorso per trenta metri è stato lasciato appena si toccava, l'altro aveva quasi perso conoscenza, ed è stato più faticoso al buio riuscire ad arrivare a circa una decina di metri dalla riva quando gli altri amici sono intervenuti per aiutarlo.
Nel frattempo in questi concitati minuti era stato dato l'allarme e sul posto c'erano ambulanze e Capitaneria di Porto.
"Sinceramente lì per lì mi è sembrata la cosa più ovvia da fare. Non sarei stato in pace con me stesso se non avessi provato a salvarne almeno uno, la fortuna ha voluto che tutti e due l'hanno scampata. E io ho capito che sono un pò giù di forma e che sarà il caso che ricominci ad allenarmi!".
Si conclude tra le pacche sulle spalle e gli abbracci degli amici questa giornata indimenticabile per il grande "Pacio" che nonostante questo inaspettato "fuori programma", si toglie anche la soddisfazione di vincere la 2a prova del campionato di Surf Casting, ma nessuna vittoria è così grande come salvare una vita, anzi due.

Votazione

Commenti

Attualmente non sono presenti commenti, ma sei invitato a inserirne.

Inserimento Commenti

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti.

FIPSAS - Federazione Italiana Pesca Sportiva Attività Subacquee e Nuoto Pinnato - Viale Tiziano, 70 - 00196 Roma - Tel. 06.87980086
P.I 01382061008 - C.F.05267300589 IBAN BANCA BNL: IT24V0100503309000000010103 - POSTE ITALIANE SPA: IT22R0760103200000025054008
Contatti | Scrivici | Privacy